" gli occhi di chi ha esplorato i grigi abissi della malinconia,della

depressione,dell'anoressia e della bulimia sapranno vedere e godere di tutti i

colori del mondo "



Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.



sabato 18 giugno 2011

un porto sicuro

Adesso ho capito. Ho capito perchè ritorno sempre da lei.
Eh si..ho passato questi ultimi giorni mangiando,vomitando ogni singola cosa mi passasse da bocca,tentando per l'ennesima volta di rialzarmi..e adesso ho capito.
Lei è la mia "salvezza" o per lo meno è quello che vuole farmi credere. Provando a mangiare di più, a reinserirmi nel gruppo,provando di nuovo a vivere mi sono ricordata il perchè questo mi facesse paura,il perchè ci avessi rinunciato. 


Con l'anoressia io avevo e ho fatto una scelta. Lei si prendeva tutto il mio tempo,tutte le mie attenzioni,tutti i miei pensieri. Lei diventava tutti i miei interessi,ogni mia preoccupazione e non mi lasciava spazio per altri. Mi faceva credere che quella era la vita vera e io lo accettavo.
Parlo al passato non so perchè,dovrei parlare al presente. Lei non mi lascia o se lo fa,è solo per qualche giorno..solo per farmi capire che mi conviene tornare da lei. Ed è così ogni volta,puntualmente. 


Non è più un fatto fisico ormai,o comunque non solo. Ovviamente mi interessa dimagrire,ma io vivo l'anoressia come alternativa alla vita normale che mi spaventa,che è troppo per me.


In questi giorni ho rivisto E. .. io amo il mio fidanzato,ma lui è sempre stata un'altra cosa per me. Odio l'effetto che mi fa,odio l'ascendente che ha su di me. Odio che non ho il coraggio di buttarmi,di lasciarmi andare,di fare una scelta vera,di vivere. Ho così tanta paura che , sebbene anche E. abbia mostrato interessi nei miei confronti,puntualmente scappo. Perchè so che quello che provo per lui è qualcosa che mi farebbe perdere il controllo,che mi lascerebbe nelle sue mani,in balia di qualcun'altro, e io questo non lo posso permettere. Sono io che devo avere il controllo.  
e così,ogni volta che la vita vera mi si ripropone,mi fa paura e decido,per comodità e vigliaccheria,di ritornare ad abbracciare l'anoressia. Di spendere minuti,ore,giorni,tempo a contare le calorie,a calibare tutto quello che ingerisco per poi smaltirlo in palestra, perchè in questo modo mi sembra di controllare il resto. In questo modo mi nascondo e ho l'impressione di non pensare più a quanto E. mi spaventi, a quanto forse anche provando potrei essere felice. Ma la paura mi frega,e io ritorno da lei. sempre.


L'anoressia è paura di vivere,è il mio rifugio privato e sicuro.
L'anoressia è la mia trappola mortale.

Voi non smettete mai di lottare,di provare,di cadere,di rialzarvi.
Urlate,piangete,spaccate tutto,prendete a pugni un muro. Non fatevi vincere,ma reagite. Questa è in parte una vittoria.


Vi stringo e vi adoro.
A.

8 commenti:

  1. Non sai quanto ti capisco cara A... l'anoressia è il nostro porto sicuro quando ci sentiamo sole, abbandonate, o semplicemente senza un appoggio con il quale andare avanti. Il problema però è che lei è anche il freno alle nostre emozioni e alla nostra vita... non sai quante volte io mi sono lasciata bloccare da lei pentendomene subito dopo perchè nella vita quello che conta è quello che vivi sul momento, e non le aspettative che hai o quello che vorresti. Semmai volere qualcosa è una spinta per raggiungerlo con le nostre forze... Poi a quanto ho capito hai a fianco un ragazzo che ami, quindi non sei sola... sai che su di lui puoi contare, e credo sia già una bella cosa questa.
    Riguardo al contare le calorie e tutto il resto non ti biasimo perchè sono la prima che ha questa "dipendenza", ma credo che si possa vedere in positivo se ci aiuta a sentirci sicure di noi stesse... In fondo contare le calorie non uccide.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  2. ho letto un tuo commento a un blog e mi ha colpito
    hai scritto'chiedi prima scusa a te stessa perchè è soprattutto a te che stai facendo male'
    un pugno nello stomaco.
    quanto hai ragione!!
    scusa a noi stesse a me stessa..hai detto una frase bellissima..
    tu scegli l'anoressia io non ne parliamo..sempre cibo..ma stavolta ho scelto te.tra tanti commenti.
    fatti scegliere dalle persone..
    veramente te lo meriti..
    posso chiederti se hai mai fatto terapia?psicologo ecc..
    se vuoi passa per il mio blog grazie
    ilmareinunsecchiovuoto.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Hai scritto la dannata verità.
    Il mio incubo e il mio sogno più grande, il mio amore e il mio odio, la mia vita e la mia morte.
    E' questo l'anoressia.

    RispondiElimina
  4. Co rifugiamo dall'anoressia perchè sappiamo che siamo al sicuro,in un modo o nell'altro,che faccia male o bene.
    ti adoro.
    Esse

    RispondiElimina
  5. caspita mi sono riconosciuta tantissimo nella tua descrizione: una ragazza che ha paura di vivere una vita normale. Che non riesce a lasciarsi andare e a sorridere, a stare in compagnia e a non pensare a niente.. no, ci deve essere sempre lui, il dca, fisso nella testa come una piovra attaccata coi suoi tentacoli.. ma perchè la vita ci fa paura? forse perchè crediamo di non essere adeguate, di non essere adatte a fare una vita normale.. ci sentiamo delle nullità e per paura di metterci in gioco e mostrarci al mondo con i nostri difetti ci nascondiamo, tanto c'è la "scusa" del dca.. no, non va bene.. tutto questo deve finire piccola! non mi va che ci lasciamo rovinare così!!! ti abbraccio forte :*

    RispondiElimina
  6. L'anoressia è il tuo rifugio.
    L'anoressia è il nostro rifugio.
    Pensiamo di essere troppo deboli per affrontare la vita da sole, allora ci affidiamo a lei che ci culla tra le se braccia, che ci consuma giorno per giorno.
    L'anoressia è solo una scusa, una scusa per nascondere la nostra fragilità.
    Tu non vuoi essere fragile, vero?
    Ti voglio bene
    Ti stringo*

    RispondiElimina
  7. Direi ke non potevi usare parole migliori per descrivere la situazione in cui tutte ci troviamo. E' come se fosse una certezza, il salto nel vuoto fa paura a tutti, è quasi normale che cerchiamo l'unico appiglio che ci pare sicuro. E la cosa più strana è ke siamo consapevoli che questo appiglio è tutto fuorchè sicuro, xo continuiamo a rifugiarci lì. Continua a combattere anke tu, stay strong! Un bacio

    RispondiElimina
  8. Vorrei tanto ritornare a vivere, ma non ci riesco proprio. Ci sono dentro e uscirne per me sarebbe un dramma,perchè ormai io vivo tramite Lei
    Cosa voglio dire? Senza Ana io non sarei nulla.


    A. mi manchi da morire.

    RispondiElimina